Home Maternità - Consigli ed idee per le neomamme Essere Genitori Ragazzi e Droga: Conosciamo l’Urod

Ragazzi e Droga: Conosciamo l’Urod

CONDIVIDI

I retroscena della droga

Avete mai sentito parlare dell‘Urod?? Il metodo ultrarapido per liberarsi dall’ eroina senza stare male?? “È molto ma molto efficace” si leggeva sui giornali “si apriranno centri in tutta Italia, a partire da Milano“.

Si tratta di un’ anestesia generale e di un farmaco, il Naltrexone, che rimuove l’ eroina dai recettori del cervello. Finita l’ anestesia il tossicodipendente è guarito, e non si dovrebbe drogare più.

Questo almeno secondo chi l’ aveva inventato, questo metodo. Una scoperta miracolosa? Chissà. Gli scienziati sono sempre stati scettici. (Chi se ne intende sa bene che tentativi per disintossicarsi senza stare male ce ne sono stati tanti, dalle alte dosi di insulina, all’ elettroshock, ma non hanno mai funzionato, anzi i guai erano più dei vantaggi).

Ma smettere con l’ eroina espone a crisi di astinenza, si sta male. Di qui l’ interesse per l’ Urod. Che però ha dei rischi, dalle alterazioni ormonali, a difficoltà respiratorie, a danni renali fino a disturbi psichici anche gravi che possono persino portare al suicidio. E costa. Negli Stati Uniti per un solo trattamento servono 15.000 dollari. Da noi parecchi milioni di lire, del tempo. Che fare? Finalmente qualcuno ha voluto vederci chiaro. Ricercatori della Columbia University di New York hanno fatto uno studio su più di 100 pazienti, trattati la metà in anestesia e Naltrexone, gli altri con farmaci, ma senza anestesia, come si è sempre fatto. Lo studio è stato pubblica e si è visto che il trattamento in anestesia non fa niente di più dei farmaci.

Non libera definitivamente i ragazzi dalla droga, né allevia i sintomi di astinenza di più di quanto non succeda coi farmaci che si sono sempre usati. E il sistema dell’ anestesia è pure pericoloso (fra quelli dell’ anestesia, tre ragazzi hanno avuto reazioni gravissime, da mettere in pericolo la vita). L’ Urod era stato presentato proprio a Milano nel settembre 1995 come il sistema che libera per sempre i ragazzi dalla droga in poche ore, da Andrè Waismann, un dottore di Israele, che diceva di aver curato quasi 3.000 drogati, tutti «guariti». Il dottor Waismann nonostante fosse stato intervistato da tutti i giornali e avesse preso parte a programmi di televisione di tanti Paesi del mondo non aveva mai pubblicato i risultati dei suoi studi. Adesso dopo 10 anni precisi, finisce anche la storia dell’ Urod. In medicina, i passi avanti richiedono sempre pazienza, impegno, e tanta ricerca. Miracoli non se ne vedono (quasi) mai. Ci vuole grande prudenza, specialmente nell’ annunciare novità epocali, specialmente quando ci si rivolge a persone deboli o malate.